Tu sei qui: Home / Sito personale / Ritagli - Il fumo danneggia gravemente... ovvero Cuore / Non sono certo un grafomane!

Non sono certo un grafomane!

venerdì, ottobre 10, 2008

No certo, una cinquantina di parole all'anno... ma se vi pare eccessivo, posso ridurre!

Facciamola breve: ditemi come quando e perchè e io mi adeguo (in parte).

Non so perchè ma, devo pure confessarlo, io amo le parentesi: quadre o tonde che siano o magari a graffa! Fondamentali, le parentesi a graffa, basilari addirittura nei CSS: cascata sdruciolante e semiseria, senza la quale il web sarebbe ancora al Neandertal!

Ho anche un debole per il punto esclamativo. Per due ragioni. Intanto perchè esclama, il punto, e poi perchè ha quel pochetto di rigidezza che non fa mai troppo male!

Quanto mi piacerebbe esclamare, come il punto...

Invece no!

Mi tocca viaggiare sul 13, sul 15 oppure, ma più raramente, sul 14, intesi come lineee tranviarie. Ecco se rinasco (ma che cazzo racconti...) faccio il tranviere. Mi piacciono queste specie animali date per spacciate e toc!!! te le ritrovi, aitanti come attrici di Hollywood, la cui sacralità a me, come ai più, temo, sfugge almeno nella misura del 90% e chiudo la parentesi.

Chi viaggia in tram? Ecco un'interessante domanda che, opportunamente adornata di note a piè di pagina e di dotti riferimenti bibliografici, potrebbe sperare una modesta sovvenzione di quel Fondo che da noi chiamano della Ricerca nazionale (maiuscolo? minuscolo? ma dove sono i guardiani delle regole orto-tipografiche, navigano, spumeggianti, sulla schiena - curva, retta, arzigogolata? - dell'internet webbescamente aureolati di luce, luce, luce... e intanto non ci dicono: maiuscolo o minuscolo? Aho, cruscanti!!! Sveglia!!)

Chi viaggia in tram?

Intanto, io. Nel senso che io viaggio in tram.

E molti altri.

Ma lasciamo perdere, dirò solo che la legge (federale) sui generi, per una volta non avrebbe nulla da dire: maggioranza femminea! Come dire che sarebbe meglio viaggiare in bicicletta.

Il tram è Donna, e sferraglia sui binari d'acciaio, donnescamente sinuosamente scimmescamente misteriosamente rumorosamente (e si potrebbe continuare con gli avverbi non fosse che si fatica, con gli avverbi quasi quanto con gli aggettivi che saranno anche qualificativi, però, alla lunga, stancano!) avanzando!

Uno di questi giorni bisogna pur che mi decida a raccontarvi del Gerundio e magari anche della Silvia del Gobbo.

L'anno prossimo, magari.

Quando avrò imparato l'inglese.