Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Strumenti personali

Sezioni
Tu sei qui: Home / Dante Alighieri / Canto I - Versione con note di vocabolario / Inferno, Canto I - vv 19-45

Inferno, Canto I - vv 19-45

Ascolta il canto

Ma_ecco_sm.jpg.. 19-21..

Allor fu la paura un poco queta
che nel lago del cor m’era durata
la notte ch’i’ passai con tanta pieta.

Note.jpg
Parafrasi

22-27

E come quei che con lena affannata
uscito fuor del pelago a la riva
si volge a l’acqua perigliosa e guata,

così l’animo mio, ch’ancor fuggiva,
si volse a retro a rimirar lo passo
che non lasciò già mai persona viva.




28-33

Poi ch'èi posato un poco il corpo lasso,
ripresi via per la piaggia diserta,
sì che ‘l piè fermo sempre era ‘l più basso.

Ed ecco, quasi al cominciar de l’erta,
una lonza leggera e presta molto,
che di pel macolato era coverta;




34-36

e non mi si partia dinanzi al volto,
anzi 'mpediva tanto il mio cammino,
ch’i’ fui per ritornar più volte vòlto.




37-45

Temp’era dal principio del mattino,
e 'l sol montava 'n sù con quelle stelle
ch’eran con lui quando l’amor divino

mosse di prima quelle cose belle;
sì ch'a bene sperar m’era cagione
di quella fiera a la gaetta pelle

l'ora del tempo e la dolce stagione;
ma non sì che paura non mi desse
la vista che m’apparve d’un leone.